giovedì, Febbraio 22, 2024
HomeSalute e salute BellezzaMalattia da calicivirus felino: quali sono i suoi sintomi?

Malattia da calicivirus felino: quali sono i suoi sintomi?

Quali sono i sintomi del calicivirus felino?


Il calicivirus felino nei gatti è una malattia causata da molti ceppi di virus chiamati calicivirus. Questa infezione si verifica dopo che un gatto infetto è stato esposto a un altro gatto che non è stato esposto ad esso attraverso l’ambiente o altro. Il virus responsabile di ciò verrà eliminato principalmente attraverso le secrezioni orali, oculari e nasali.

La frequenza di questi varia a seconda del numero di gatti conviventi e del loro stile di vita. Le persone che escono molto sono più sensibili. Tipicamente, le forme tipiche della malattia (orale e respiratoria) sono più lievi nei gatti adulti vaccinati e più gravi nei gattini non vaccinati.

Quali sono i segni premonitori della malattia da calicivirus felino?


La presentazione clinica di questa malattia è molto particolare. Nota che c’è:

  • febbre ;
  • e ulcere della bocca;


Con segni congiuntivali e respiratori moderati (naso che cola, starnuti, secrezione oculare).
Le ulcere di solito compaiono sulla lingua, ma possono comparire anche in altre zone (naso, labbra e più raramente sulla pelle).

Esistono alcune presentazioni meno comuni, come:

  • Malattie orali croniche;
  • Altrimenti, zoppia acuta con febbre transitoria.

Queste manifestazioni possono comparire solo pochi giorni dopo i sintomi tipici dell’infezione naturale, ma possono comparire anche dopo la vaccinazione, specialmente durante le iniezioni di vaccini vivi modificati.

Recentemente è stata descritta una forma virulenta di calicivirosi felina, più frequente nei gatti adulti vaccinati. I sintomi clinici variano ampiamente, tuttavia, la malattia più specifica è l’edema periferico, principalmente alle estremità e alla testa, e la febbre, oltre alle lesioni ulcerative dei polpastrelli e della pelle.

À LIRE  allenatore sportivo Nantes

Alcuni gatti possono sviluppare ittero, sintomi respiratori abbastanza gravi e disturbi emorragici, manifestati da:

  • lividi;
  • petecchie;
  • e sanguinamento.


Esiste una cura per la malattia da calicivirus nei gatti?


Ad oggi, non esiste un trattamento antivirale disponibile per combattere la malattia da calicivirus nei gatti. Il seguente trattamento è specificamente progettato per supportare il corpo durante il periodo di incubazione per aiutare il sistema immunitario.

Bisogna fare attenzione a garantire un adeguato equilibrio elettrolitico e idratazione, utilizzando se necessario tisane. È inoltre importante prestare attenzione all’igiene respiratoria (pulizia degli occhi, della bocca e delle secrezioni nasali con soluzione fisiologica).

Alcuni gatti possono smettere di mangiare a causa del dolore o della febbre causati dall’ulcera o dalla perdita dell’olfatto. A seconda della gravità della condizione, potrebbe essere necessario nutrire il gatto il prima possibile, inserendo un tubo di alimentazione o somministrandogli alcuni stimolanti dell’appetito.

Altrettanto importante è:

  • Trattamenti antinfiammatori per alleviare il dolore;
  • Oltre a un appropriato trattamento antibiotico;
  • Gli anestetici locali possono essere utilizzati anche sulle piaghe della bocca per alleviare il dolore.


Dovresti vaccinare il tuo gatto contro il calicivirus felino?


A causa dell’incidenza piuttosto elevata della malattia da calicivirus nei gatti, è fortemente raccomandata la vaccinazione sistemica di tutti i gatti, anche di quelli che non vivono all’aperto.

I primi vaccini per i gattini vengono somministrati a 2 mesi di età e le iniezioni di richiamo devono essere somministrate da 2 a 4 settimane dopo. Gli anticorpi materni possono interferire con il vaccino, quindi una terza vaccinazione a 16 settimane è raccomandata nelle comunità ad alto rischio.

Per i gatti adulti normalmente vaccinati, sono necessarie 2 iniezioni, a distanza di 2-4 settimane. La frequenza dei colpi di richiamo varia a seconda delle condizioni di ciascun gatto. Successivamente, i gatti che vivono in casa e non hanno contatti con gatti all’aperto dovrebbero essere vaccinati ogni 2-3 anni.

À LIRE  Suggerimenti per eliminare l'acne e le imperfezioni della pelle

Il rinforzo annuale è consigliato per gatti all’aperto o per contatti ripetuti con altri gatti. Va notato che la maggior parte dei vaccini non fornisce protezione contro tutti i ceppi vaccinali. Infatti, alcuni gatti, anche vaccinati, possono essere colpiti dalla malattia da calicivirus.

Advertising spot_img

Popular posts

My favorites

I'm social

0FansLike
0FollowersFollow
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe